Buongiorno donzelle !!

Visto che siamo in tempo di fashion week , volevamo parlarvi della storia delle sfilate.

Non vi siete mai chieste il perch√® esistono ? se la riposta a questa domanda √® si , allora continuate a leggere questo articolo ūüôā

QUAL’√® LA STORIA DELLE SFILATE PRIMA DI DIVENTARE GLI EVENTI SCENOGRAFICI DI OGGI ?

Le sfilate oggi sono utilizzate dalle aziende per¬†attirare l‚Äôattenzione sulle loro ultime creazioni ,¬† i designer di moda si sbizzarriscono con spettacoli scintillanti e ambienti glamour sempre pi√Ļ stravaganti . Gli stilisti¬† presentano le collezioni autunno-inverno nelle quattro citt√† che a turno ospitano le cosiddette settimane della moda (in questi giorni c‚Äô√® Milano, ma si¬†parte con New York e poi, in quest‚Äôordine, Londra, Milano e Parigi) ,¬† i giornalisti e i critici le commentano e i buyer decidono quali pezzi comprare per poi venderli nelle catene e nei negozi.

Immagine correlata

Ma prima?

Alla fine del 1800 e all’inizio del 1900, i progettisti esperti di affari e le aziende assumevano delle donne/modelle che indossando i loro disegni dovevano passeggiare intorno a lungomare , vicino alle piste da corsa facendosi notare dai fotografi.

Risultati immagini per SFILATE NEL 1800

Intorno al 20 ¬į secolo, molti stilisti di fascia alta organizzavano feste private¬† con la partecipazione di clientela¬†d‚Äô√©lite,¬† nelle quali le modelle camminavano casualmente per la stanza mentre piccoli gruppi di clienti sorseggiavano il t√®.

Ma quando le sfilate hanno iniziato a diventare popolari?

Intorno al 1908/1910, venivano organizzate anche ogni giorno per diverse settimane, durando fino a tre ore.

Immagine correlata

 

Ma a quei tempi come fare ad attirare gente alle sfilate?

I couturiers Paul Poiret e Lucile (Lady Duff-Gordon) erano entrambi noti perchè cercarono espedienti per creare attesa attorno alle loro nuove collezioni e renderle desiderabili.  Lucile fu la prima ad aver  iniziato a mandare gli inviti alla clientela, trasformando un semplice tentativo di fare affari in un evento sociale,  con musica e danze per mostrare come gli abiti andavano portati nella vita reale.

Immagine correlata

La prima ad aver descritto i suoi disegni come “abiti di emozione” .

Prima ogni vestito sfilava con un numero per indicarlo e ricordarlo¬†pi√Ļ facilmente, Lucile introdusse¬† nomi come “Amore in una foschia” per rendere i suoi vestiti¬† meno “merce” ma pi√Ļ come fantasie tangibili.

Poiret √® conosciuto per la sua abilit√† nel¬†marketing e per aver dato un tocco pi√Ļ estremo alla promozione delle sue ultime collezioni.¬†Organizzando spettacoli di costumi come la sua leggendaria “Migliaia e Seconda Notte”, il designer ha trasformato intere sale in passerelle interattive.

Immagine correlata

Dal 1918,¬†le case di couture hanno iniziato a tenere le loro sfilate di moda due volte all’anno, fissando le basi di quello che oggi chiamiamo “settimana della moda”.

Le sfilate diventarono eventi molto seri e pubblicizzati, che si svolgevano nelle sedi delle case di moda o in hotel prestigiosi.

Immagine correlata

L‚Äôapertura al pubblico delle sfilate nacque negli Stati Uniti, quando negli anni Dieci del Novecento i grandi magazzini presero a¬†organizzare sfilate aperte a tutti¬†per mostrare gli abiti europei o delle loro stesse linee. La¬†consuetudine¬†divenne¬†ancora pi√Ļ popolare durante la Seconda guerra mondiale.

Risultati immagini per la prima fashion week

Quando sono nate le cosidette settimane della moda?

Nel 1943, grazie alla Press Week inventata dalla giornalista Eleanor Lambert .

Risultati immagini per la prima fashion week

Nel 1943 la giornalista Eleanor Lambert organizz√≤ a New York la ‚ÄúPress Week‚ÄĚ, cio√® la settimana della stampa, per presentare i lavori degli stilisti americani. Le settimane della moda di Milano e Parigi arrivarono invece negli anni Settanta, quella di Londra nel 1984.

Christian Dior ha debuttato¬†nel 1947 con la¬†sua¬†collezione di¬†corolle(aka “The New Look”).

Tipicamente duravano pi√Ļ di un’ora, l’atmosfera di questi lunghi spettacoli tendeva a restare silenziosa.¬†¬†Verso la met√† degli anni ’50, molti grandi magazzini di fascia alta avevano adottato regole di pista regolari come un modo per elevare la loro reputazione.

Le cose cambiarono parecchio negli anni Sessanta, coincidente con l’aumento del ready-to-wear (Ready-to-wear¬†or pr√™t-√†-porter)¬† e il graduale declino dei clienti di couture. Gli eventi venivano¬†organizzati in location particolari e gli stilisti invece di cercare l‚Äôesclusivit√† volevano¬†avvicinarsi ai giovani e al consumismo di massa, con modelle che ridevano e ballavano in passerella.

collage-sfilate

Negli anni ’80, le sfilate di moda erano diventate cos√¨ popolari che Thierry Mugler √® riuscito a mettere in scena una passerella colossale spettacolare nel 1984 allo stadio Z√©nith di Parigi . Lo spettacolo √® stato presentato ad un pubblico di 6.000 persone.

Immagine correlata

Yves Saint Laurent nel 1998,  ha presentato una collezione di couture retrospettiva dopo la finale di Coppa del Mondo a Parigi davanti a uno stadio di circa 1 miliardo di spettatori televisivi.

Risultati immagini per Yves Saint Laurent nel 1998

Quando Carrie Bradshaw √® stata nominata”fashion roadkill” nel 2001, il termine “passerella” √® diventato ampiamente utilizzato in America e sinonimo di moda e glamour, grazie in parte all’organizzazione della New York Fashion Week a Bryant Park nella primavera del 1994 e la nascita dello spettacolo pi√Ļ grande della pista, il Victoria’s Secret Fashion Show, nell’agosto del 1995.

angeli-anni-90

Le prime, gli angeli originali, sono le indimenticabili:¬†Helena Christensen(1997-1998),¬†Karen Mulder¬†(1997-2000),¬†Stephanie Seymour¬†(1997-2000),¬†Laetitia Casta¬†(1998-2000),¬†Naomi Campbell¬†(1995-2005, anche se non in continuit√†). Le pi√Ļ longeve? Prima su tutte l‚Äôinscalfibile¬†Heidi Klum, che ha calcato imperterrita la passerella di intimo dal 1997 al 2009 ‚Äď 11 anni con 4 gravidanze nel mezzo-;¬†Tyra Banks, angelo per ben 9 anni (1997 ‚Äď 2005) e l‚Äôiconica¬†Gisele B√ľndchen, che ha esordito nel 1999 e non si √® persa un‚Äôedizione fino al 2006. 7 gli anni da angelo della collega¬†Miranda Kerr(2007 ‚Äď 2013), e amatissimo anche il duo di bionde¬†Karolina Kurkova¬†(2005 ‚Äď 2008) e¬†Doutzen Kroes¬†(2008 ‚Äď 2014).¬†Dal 2000 al 2010 si sono susseguiti i ‚Äúbattesimi‚ÄĚ della seconda generazione di angeli, le top ancora oggi sotto contratto che tengono alta la bandiera del brand: nel 2000 entrano¬†Adriana Lima e Alessandra Ambrosio. Nel 2003¬†Isabeli Fontana, nel 2005¬†Izabel Goulart. Poi il duo di bellezze sudafricane¬†Behati Prinsloo¬†nel 2009 e¬†Candice Swanepoel¬†nel 2010, anno dell‚Äôelezione anche di¬†Lily Aldridge, la fortunata che sfogger√† il¬†Million Dollar Bra 2015,¬†l‚Äôannuale reggiseno d‚Äôalta goielleria pezzo clou della sfilata.

Da¬†quegli anni le sfilate sono diventate sempre pi√Ļ scenografiche e ci sono sempre pi√Ļ¬†occasioni per creare veri e propri¬†spettacoli: oltre alle settimane della moda per le collezioni autunno-inverno e primavera-estate di uomo e donna (quindi quattro in totale all‚Äôanno), ci sono quelle della¬†haute couture¬†e delle¬†cruise collection. Lo scopo¬†delle sfilate √® di¬†aumentare la¬†desiderabilit√† del marchio, oltre a promuoverlo, farlo conoscere e aumentare le vendite.

Advertisements

BINF FASHION SHOW

In occasione della¬†Milano Fashion Week 2017, si √® svolta, domenica 24 settembre , la decima edizione del rinomato fashion show milanese, l’appuntamento con¬†BINF Fashion Show.

Elementi chiave di questa edizione?

La cura dei dettagli, il made in Italy, l’originalit√† e la funzionalit√†.

 La sfilata evento  in questa edizione ha portato in passerella 6 Brand per 6 stili tutti diversi tra loro.

LA LOCATION:

Binf Fashion Show


Location: MIB


Indirizzo: via Gaetano Negri 10


Città: Milano

 

Risultati immagini per fashion iconLa prima collezione che è salita in passerella è STRASS&STRIPES.

Il marchio¬†STRASS&STRIPES¬†nasce nel 2013 dall’intuito creativo della stilista Elisa Camussi e subito si distingue per l’originalit√†. Il brand √® caratterizzato da un¬†Made in Italy unico, cosmopolita, arricchito da connotazioni hippiechic.

La collezione √® fatta per ogni tipo di donna , dalla ragazza giovane amante delle feste a quella pi√Ļ raffinata dallo stile deciso, ma anche dai toni femminili . Ci ha colpito molto l’utilizzo di frange , passamanerie, bordi metallici, ricami e applicazioni, per una ragazza dinamica .

Sofisticati e dalle linee pi√Ļ rigorose i capi spalla spiccano in passerella!

Il risultato è una combinazione vincente tra stile italiano chic e diverse culture affascinanti.

Risultati immagini per fashion iconLa seconda collezione presentata è MILENA ANDRADE РTHE EMPOWERING DANIM.

Milena Andrade √® il marchio conosciuto per le sue collezioni di jeans Push-up dal perfect perfetto, nato nel 2006 a Milano dall’omonima Style Director.

The Empowering Denim Company significa: 0% problemi, 100% donne con fiducia in se stessa, sensuali e pi√Ļ forti nei propri jeans.

 

Il brand si rivolge a donne forti e di talento, determinate a realizzare i propri sogni.

Se siete sempre alla ricerca di fare rete con altre donne “empowered” con cui condividere gusti, stili, sogni, risate e progetti di business questi sono i jeans giusti!

Durante l’occasione hanno sfilato in passerella i nuovi modelli di jeans push-up, il pantalone perfetto per ogni tipo di fisico femminile.

Si nota la cura nella ricerca dei materiali , del taglio e delle cuciture in ogni capo.

 

Uno stile capace di sprigionare il potere di ogni donna.

Sappiamo tutte quanto √® difficile trovare il jeans perfetto , ma ogni donna che acquista un paio di jeans MILENA ANDRADE dalla Iconic Collection o dalla Limited Edition viene affiancata, gratuitamente, da un personal denim consultant che la aiuta a scegliere il paio di jeans pi√Ļ adatto alle sue forme, al suo tipo di fisico e all’occasione in cui dovr√† indossarlo.

 

VIDEO SFILATA

 

 

Risultati immagini per fashion iconLa terza collezione presentata è LA CLES РAHIMSA.

La Cles interpreta e celebra una donna tradizionale che vive nel presente con stile ed eleganza, adeguata ai tempi e ai contesti sociali odierni.

Anima creativa di questo marchio è Margherita de Cles , amante del melting pot e cosmopolita vive tra Italia e India meta di ricerca di tessuti e ispirazione.

Il suo stile sposa il design italiano con i colori e i materiali della tradizione indiana.

Oltre alle gi√† affermate collezioni di abiti da cerimonia coloratissimi , √® stata presentata anche Ahimsa, la collezione etica di La Cles con l’ utilizzo di una¬†seta¬†vegana e non violenta prodotta in India¬†secondo i principi di Mahatma Gandhi.

 

Parola chiave di questa collezione √® “METAMORFOSI”

 

“Tempo, pazienza e fede aiutano a comprendere la propria identit√† e sentirsi liberi come una farfalla.”

 

Gli abiti haut couture sono stati realizzati con ricami e inserti cuciti a mano, ispirati dall’eleganza delle Maharani indiane. Una collezione per le donne di altri tempi in cerca di eleganza, rispetto per l’ambiente e per il proprio corpo.

Curiosit√†:¬†¬†Seta etica-Questa seta ha il privilegio di contribuire nel supporto di realt√† rurali indiane, in particolar modo nell’educazione dei bambini e donne, garantendo¬† un’istruzione adeguata e un futuro migliore.

 

Risultati immagini per fashion iconVAVINS BIKINI , questa è la quarta collezione .

Sempre al tuo fianco nelle vostre avventure estive.
Made in Italy, dove il sole splende sempre.

 

 

Immaginatevi in una spiaggia australiana , dell’Indonesia o delle isole Hawai, immaginatevi la voglia di stare assieme, divertirsi, senza grosse pretese, questo √® quello che l’energica¬† e positiva Valentina ha pensato quando ha ideato questo brand di bikini.

 

Per questa collezione Valentina pone l’attenzione sul taglio, la cura dei dettagli e l’esaltazione dei colori , utilizzando tessuti di qualit√†, come la microfibra.

Tre i modelli per esaltare la donna e la sua bellezza:

  • GAIOLA
  • PIPA
  • ULUWATU

Tutti a tinta unita o con una semplice stampa in bianco e nero.

Modelli con una propria identità, che non dimenticano mai di seguire il corpo, le linee della donna, con il solo scopo di esaltarne la bellezza delle forme.

Bikini dai colori caldi , dai motivi esotici , che ricordano le lunghe passeggiate in spiaggia che vorresti non finissero mai.

 

VIDEO SFILATA

 

 

Risultati immagini per fashion iconBRAMAS, quinta collezione.

Moda √® arte quindi fondere la Street art con capi d’abbigliamento per creare un qualcosa di unico.

 

Dopo al debutto del BINF di Febbraio ,Bramas ritorna in campo con la collezione primavera-estate 2018.

Sfilano in passerella donne cyborg, sottoforma di donne guerriere catapultate negli anni ‘ 80.

Donne mascherate vestite con materiali dalle sfumature riflettenti e dai colori metalizzati.

 

Risultati immagini per fashion iconSesta e ultima collezione: Around

Pensate di esservi persi in un bosco e di aver bisogno di un riparo .

Immaginatevi di avere un parka che si trasforma in tenda da campeggio e un altro che si trasforma in sacco a pelo.

Ecco ora smettete di immaginare , perchè con Around questo sarà possibile.

La collezione FW 2018/2019 si basa infatti sul concetto di trasformazione della struttura.

Ogni capo si presenta come possibilità di adeguamento ad ogni ambito e circostanza.

L’ispirazione parte dai dettagli e dalle forme dei capi vintage outdoor di cinque diversi mondi:abbigliamento da escursionismo, abbigliamento militare da terra, da caccia, da aviazione e da pesca.

I materiali sono tessuti impermeabilizzati che ne potenziano la funzionalità .

Tra le altre chicche della collezione : un Anorak contiene al suo interno una borraccia a gobba di cammello, un Bomber costituito da un gilet termico e infrarossi ed un meccanismo a cui sono state applicate due fasce di led.

Ultimo concetto di Aound, versalità , lo zaino che si trasforma in sedia che prende vita dalla fusione, dalla praticità degli sgabelli da pesca portatili e la costruzione di un cubo.

Obbiettivi importanti della collezione: semplicità e adattamento.

VIDEO SFILATA

 

Quindi per concludere possiamo dire che la sfilata è stata un successo !

 

This slideshow requires JavaScript.

Gli accessori moda per l’autunno-inverno 2017/2018

Calze operate

Non solo a rete, i collant regalano personalit√† anche ai look pi√Ļ semplici.

Risultati immagini per Calze operate  TENDENZA AUTUNNO 2018

Orecchini asimmetrici

Dimenticate i clasicci gioielli in coppia, gli orecchini si portano uno diverso dall’altro.

Risultati immagini per ORECCHINI ASIMMETRICI TENDENZA AUTUNNO 2018Risultati immagini per ORECCHINI ASIMMETRICI TENDENZA AUTUNNO 2018

Stivali stringati

Sono le scarpe per antonomasia dei mesi freddi, le passerelle propongono i modelli alti e stringati.

Risultati immagini per Stivali stringati TENDENZA AUTUNNO 2018

Basco

Il cappellino iconico dello stile francese non poteva non dominare sulle sfilate di Parigi.

 

Risultati immagini per Basco TENDENZA AUTUNNO 2018

Fasce

In mood sporty o decorata da applicazioni presiose.

Risultati immagini per Fasce TENDENZA AUTUNNO 2018 SFILATE

Marsupio

Sono rigorosamente in pelle e dello stesso colore dell’abito.

marsupioGettyImages-816277826_masterGettyImages-647193932_master

Foulard

In alternativa alla classica sciarpa, da annodare stretto intorno al collo.

Risultati immagini per FOULARD TENDENZE AUTUNNO 2018

Gli occhiali extralarge

Via libera in fatto di lenti, che possono essere scure o colorate, a specchio o dégradé. Per le montature vanno le misure extralarge , ma sono le stanghette a sfidare la fantasia: Prada disegna astine che sembrano un mosaico pop.

OCCHIALI_Max Mara gls F17 003_altaOCCHIALI_Prada gls F17 004_altaOCCHIALI_Sacai hts F17 005_alta

 

Borse macro o micro

Extra large come valigie o minuscole da contenere appena uno smartphone, hanno qualcosa in comune. E cioè le linee pulite, ben disegnate, classiche.

BORSE_Gucci bag F17 007_altaBORSE_Jason Wu bag F17 021_alta

 

Sfilata ANGEL CHEN

SFILATA ANGEL CHEN  РMILANO: COLLEZIONE PRIMAVERA ESTATE 2018

S/S 2018 | 20 SETTEMBRE 2017 ORE 20:30 | VIA OLONA, 6 BIS РMuseo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

IMG_0340.JPG

<<In me the tiger sniffs the rose>>

Ispirata dal verso immortale del poeta inglese Siegfried Sassoon,¬†che recita¬†‚Äúla tigre in me odora la rosa‚ÄĚ.¬†La Chen ha dichiarato:¬†‚Äú√ą incauta una persona che possiede soltanto una tigre nel cuore, mentre potrebbe non sopravvivere sul crudele campo di battaglia della vita quella che ha solo rose‚ÄĚ.

Il designer comunica il suo atteggiamento verso la vita e raffigura una futura Arca di No√® nella nuova collezione. Sette coppie di creature sono state scelte per la propria Arca dal progettista; sono gru, coccodrilli, tigri, leopardi,cerambici, libellule e mantidi. La miscelazione con i totem antichi indiani, i simboli sacri buddisti della Thailandia, nonch√© i filati metallici cinesi e il ricamo di seta, la collezione √® artistica e moderna, traboccante dello spirito culturale dell’Asia sudorientale.

L’etichetta √® nota per il suo splendido utilizzo di colori esuberanti. I colori principali di questa stagione sono rossi cremisi, giallo brillante, rosa nudo e blu marino che hanno creato un forte impatto visivo.

Si abbinano a scarpe co-designed con il brand taiwanese Abcense o alle nuove sneakers Tubular di Adidas Originals.

 

This slideshow requires JavaScript.